lunedì, febbraio 20, 2017

Fantasie

Proviamo a immaginare un prossimo futuro politico in Italia.

Diciamo che il PD si scinde in soli due pezzi:
  • PD-1 con Renzi & co
  • PD-2 con gli altri (non importa citare i nomi)
Chi si presenterà alle prossime Elezioni politiche (che siano a settembre 2017 o alla scadenza naturale, a primavera 2018), con le relative percentuali di voti:

  • PD-1
    •  30%
  • PD-2
    • 15%
  • M5S
    • 33%
  • SI
    • 7%
  • FI
    • 9%
  • Altri di destra
    • 5% (complessivamente)

A questo punto è lecito chiedersi come si formerebbe il nuovo governo.

Si potrebbe ipotizzare una coalizione PD-1 con PD-2: ma allora la scissione? che senso (politico) aveva? certamente una parte del PD-2 non sosterrebbe il Governo "di Renzi", e forse si andrebbe incontro a una ulteriore scissione. In ogni caso, difficilmente questo Governo otterrebbe il 40% dei seggi in entrambi i rami del Parlamento e dovrebbe inoltre fronteggiare tre diverse opposizioni (M5S, SI, FI+eventuali destre) per un totale di circa il 60% dei seggi, seppure politicamente abbastanza divisi.

Un'altra ipotesi sarebbe il Governo capeggiato da M5S: con quali alleati? Forse una piccola parte del PD-2, certamente non SI, e allora resterebbe FI con l'aggiunta dei seggi eventualmente conquistati dalle altre destre che fossero riuscite a superare lo sbarramento: comunque "peggio" di FI come alleati M5S. Però l'esperienza del Comune di Roma potrebbe aver insegnato qualcosa. Anche in questo caso le opposizioni (PD-1, gran parte del PD-2, SI) formerebbero un fronte ampio e nemmeno troppo eterogeneo politicamente.

Una terza ipotesi prevederebbe un Governo di unità delle "sinistre": PD-1, PD-2, con l'appoggio esterno di SI (nelle ipotesi fatte, 52%). Questo comporterebbe un certo immobilismo nelle scelte politiche, e una prevedibile difficoltà nella approvazione delle Leggi di bilancio.

Altre ipotesi non mi sembrano al momento visibili, a meno di modifiche sostanziali alla Legge elettorale. In ogni caso, sembrano scenari di ingovernabilità simili a quelli visti in Portogallo recentemente.

Nessun commento: