martedì, novembre 18, 2003

Sulla pelle della gente





Scanzano Jonico (Matera) è un paese di 6.711 abitanti sulla costa jonica. Il comune è al centro di un' area di agricoltura intensiva e, da alcuni anni, di importanti investimenti turistici ...

In questo posto il governo vuole costruire un deposito di scorie radioattive. Con un decreto-legge.

Per il governo il deposito sarà un'"opera di difesa militare, di proprietà dello Stato" e dovrà ospitare circa 80 mila metri cubi di scorie di II e III categoria, cioè con un tempo di vita di migliaia di anni ...

Adesso mi chiedo: ma a chi porterà giovamento tutto questo ?


L'operazione verrà gestita dal Commissario del governo generale Carlo Jean e realizzata dalla Sogin, società guidata dallo stesso generale Jean, con uno stanziamento previsto di 500.000 euro nel 2003 e poi 4,5 milioni l'anno per il 2004 e 2005.

Ho sentito in televisione il ministro che assicurava che il sito sarà "assolutamente sicuro": a parte il fatto che dopo gli incidenti di Chernobyl e Three Miles Island la parola "sicuro" affiancata a "nucleare" mi dà i brividi, ma che cosa renderà "sicuro" il trasporto del materiale nucleare da dove si trova ora fino alla sua destinazione, e inoltre che cosa renderà "sicuro" questo sito da eventuali attacchi terroristici, terremoti e chi sa che altra calamità che potrebbe avvenire e rendere luttuoso questo scenario idilliaco che oggi ci viene proposto con tanta facilità.

Spero che questa follia venga smontata al più presto, grazie alla coscienza di tanti e all'impegno in prima persona della cittadinanza locale.

Nessun commento: