mercoledì, luglio 20, 2011

Una partita a scacchi

Mi sembra che il polverone che si sta creando dietro al "caso Spider Truman" non sia privo di un certo interesse.

Tutti i media mainstream lo sconfessano. Alcuni blogger "autorevoli" gettano fango su un personaggio tutto sommato monotematico e poco concorrenziale nei loro confronti. Perché?

Adesso c'è addirittura il fake che videomessaggia su YouTube: ma vi sembra normale che uno che si nasconde (scrive sotto pseudonimo e non rivela la propria identità) si mostri in video, seppure mascherato, ma rivelando alcuni elementi che non possono sfuggire a chi gli sta "dando la caccia"?

Io tutta sta "birra" non la bevo: chiunque sia Spider Truman, non mi pare impossibile che sia quello che afferma di essere, e tutte le critiche che ho letto non sono state in grado di confutare questa mia convinzione.

Credo piuttosto che ci siano molti, negli ambienti che ufficialmente distribuiscono la pappetta precotta delle notizie, che "ci azzuppano", cercando uno scoop tipicamente estivo e altrettanto tipicamente italiota.

Per non parlare di quelli che cercano di screditare il personaggio e ciò che dice: è stato già detto e scritto? e allora? mica diventa falso per questo! Cerca vendetta solo dopo 15 anni? e allora? se avesse fatto queste rivelazioni mentre era "in servizio" sarebbe stato un folle, e allora sì, mi sarei chiesto "perché" lo stava facendo.

Io per il momento gli do credito, anche se sono convinto che non scatenerà nessuna "rivoluzione". Attendo la prossima mossa di questa "partita a scacchi".

Nessun commento: